…ma dal 25 gennaio l’effetto wow ci sara ancora?

Ore 3,45. Domenica 21 Gennaio. Non riesco a dormire. Solo nella camera d’albergo con la tv accesa per ingannare il tempo. Il primo giorno di Sigep mi fa sempre questo effetto. Mi carica di adrenalina che non riesco a smaltire e allora appena finisco di scrivere me ne vado a correre sul lungomare.

C’è tantissimo da vedere e tantissimo da vivere in fiera. È bella, uno spettacolo. A volte camminando per gli stand hai quasi l’impressione di trovarti in un circo…il circo più bello e scintillante del mondo. È il circo dove trovi star della televisione e ballerini. Musica a go-go e luci e stand che sembrano progettati dall’architetto Fuksas.

Ma giovedi 25 gennaio?

Tutti gli anni ci rifacciamo la stessa domanda e tutti gli anni evitiamo di rispondere.

Si perché comunque tutti noi soffriamo della sindrome da struzzo. Hai visto tante cose e ti sei divertito, hai incontrato amici e colleghi. Ma quando vai via hai quel senso di incompiuto dentro le scarpe. Quelle scarpe che ti fanno male perché hai fatto km su e giù da A7 a C7, da B7 a D7, trovando tutto tranne quello che cerchi davvero.

Eccoti alcuni numeri del mondo gelato.

nei primi 3 anni di apertura il 70 % delle gelaterie patisce gravi difficoltà finanziare
o addirittura fallisce

i grandi marchi continuano ad ingrandire le loro catene con nuovi negozi:

-Location bellissime
-comunicazione ad hoc
-personale preparato
Il risultato è che tutte le gelaterie loro concorrenti subiscono una flessione di fatturato del 30% annuo.

Senza contare che alcune aziende produttrici di semilavorati entreranno presto nel mercato con catene di loro proprietà. Il risultato inevitabile è che tra 10 anni il fatturato del gelato in Italia sarà per il 60% in mano ai grandi marchi.

E il tuo di fatturato?

I prodotti che ti hanno proposto non ti faranno entrare da soli i clienti in negozio. Quel variegato così bello in vetrina da solo non aumenterà il fatturato della tua gelateria. Il concorso al quale hai partecipato, è una bella occasione per confrontarsi con i tuoi colleghi, ma se non coinvolgi i tuoi clienti non hai sfruttato al massimo la cosa.

Non mettiamo la testa sotto terra, non facciamo finta di niente. Il mondo del gelato non è la gallina dalle uova d’oro.

Le fiere come il Sigep oggi sono strutturate principalmente per attirare capitali dall’estero. Se così non fosse, sarebbe un business perdente. La realtà oggi è questa. Anche perché oggettivamente aprire un’attività di gelateria in Italia oggi, in un mercato vicino alla saturazione, (visto che ci sono 37000 punti vendita di gelato) equivale a comprarsi un posto fisso. Se rispetti le regole e paghi tutte le tasse, I guadagni non sono più a livello imprenditoriale, ma a livello di impiegato statale. Con la differenza che non timbri mai e sei operativo con il cervello h24.

Pero rimane la soddisfazione personale di aver creato un’azienda tutta tua e questo è importantissimo per te. Ma per vivere questa soddisfazione il più a lungo possibile costruisci o fai costruire la tua strategia di racconto.

Fai vivere ai tuoi clienti le tue stesse emozioni. Studia chi sono e dagli quello che vogliono ancora prima che te lo chiedano. Si è decisamente una frase forte e probabilmente non hai neanche afferrato al volo. L’hai dovuta rileggere, per capirne il significato. Però è l’unico vero segreto del successo di una attività commerciale e ancora di più di una gelateria.

 

 

About The Author

Renato De Santis

Appassionato di Relazioni Umane Specialista della Comunicazione in Gelateria Fondatore di MarketinGelato

Lascia un commento con il tuo account facebook