Archivi tag: business

Campagna per il controllo delle nascite (delle gelaterie).

Più di 40.000 micro micro imprese chiamate gelaterie. Più di 40.000 formichine che stanno tutto il giorno li a spartirsi le briciole di una torta ormai stantia.

Allora? Sei d’accordo con me? Siete troppi? Come puoi limitare al massimo l’apertura di nuovi concorrenti ogni anno? Devi renderti unico. Devi dare la percezione di essere invincibile, per come riesci ad attrarre nuovi clienti, tutti i giorni e per come riesci a farli ritornare ancora e ancora e ancora!

Purtroppo questo non possono farlo tutti. O perchè si rifiutano di crescere, credendosi dispensatori della ” GELATOVERITA’ ” o perchè, semplicemente, non ne sono capaci. Di queste 40.000 gelaterie forse solo il 20% raggiunge risultati economici degni di nota. Tutte le altre stanno lì, a far ingrassare le aziende che gli forniscono prodotti e macchinari. (ecco mi sono fatto altri nemici già a metà articolo).

40.000 gelaterie tutte uguali, le une alle altre, con lo stesso modello di business che alla fine del mese regalano gelato ai clienti e soldi allo stato.

Cosa intendo per regalare gelato ai clienti? Te lo dico solo se mi paghi. Per quanto riguarda i soldi allo stato, non devo spiegarti nulla.

 Nel mondo del gelato, movimenti e associazioni preservano questa professione e aiutano la categoria a combattere battaglie contro la burocrazia e le ingiustizie. Ma è sempre vero? Se fosse vero, dovrebbe partire proprio da loro la campagna di riduzione delle gelaterie. Certo, loro provano a salvaguardare il marchio, creando informazione e cultura nella clientela, ma il cliente deciderà di continuare a spendere i suoi soldini, solo nei locali che avranno più fascino per lui, al di là della qualità del gelato. 

I gelatieri non devono contare sui  movimenti per avere visibilità. Non sono i movimenti  che devono raccontarli. Non sono i movimenti  che devono fargli pubblicità. Non sono i movimenti che devono portargli i clienti in negozio. Ma soprattutto non sono i movimenti che creano l’identità che li differenzia dalla massa.

Dentro tutte le associazioni (o similari) ci sono dei gelatieri che sono riusciti a costruirsi una reputazione, non grazie a quel movimento, ma grazie alla loro grandissima capacità di raccontarsi.

Il mondo del gelato ha bisogno di cambiare pelle. I gelatieri   (tra parentesi dico artigiani nell’accezione più positiva del termine), devono decidersi a raccontare loro stessi e quello che producono. Devono rivedere il loro modello di business, essere più coraggiosi e se non sono in grado, allora che imparino, perchè non tutti possono essere salvati e solo i più bravi saranno in grado di essere al top.

Porto l’acqua al mio mulino con questo articolo?

Certo! Non stiamo a smacchiare i giaguari quì!

Baci e abbracci.

Renato

Appassionato di Relazioni Umane
Specialista della Comunicazione in Gelateria
Fondatore di MarketinGelato